Top Goodies
rivista online

Due parti dell'anno e il collegamento con l'aspettativa di vita di una persona

2019-02-04

Nella tradizione vedica, l'anno è diviso fondamentalmente in due parti: un periodo in cui i giorni diventano più lunghi e il periodo in cui le giornate si accorciano.

La prima parte è chiamata uttarayana (sanscrito: उत्तरायण), seconda - dakshinayana (sanscrito: दक्षिणायण). Questi periodi sono di solito osservati nell'emisfero nord o nell'emisfero australe. Ci sono posti su Equator, dove l'intero giorno dell'anno è più lungo della notte, ma non considereremo questi casi eccezionali.

La primavera e l'autunno possono essere visti in un'immagine speculare degli emisferi nord e sud della Terra.

Attualmente viviamo nell'ultimo dei 4 Yugas - chiamato Kali Yuga. Si dice che la durata del Kali Yuga sia di 4800 anni. La durata totale di tutti gli Yugas è di 12000 anni. Ciò significa che la nostra civiltà ha vissuto su questo pianeta dall'inizio del primo Yuga - Satya Yuga - abbastanza a lungo.

La durata della vita umana con ogni Yuga è diminuita. È legato al karma umano - il Kali Yuga esegue il peggior karma, ma quello è il più veloce, quindi è sufficiente avere una durata della vita relativamente breve per adempiere al cattivo karma dell'attuale incarnazione. Si dice che in Satya Yuga la durata media della vita umana era di 100.000 anni, in Treta Yuga - 10000 anni, in Dwapara Yuga - 1000 anni, e ora nel Kali Yuga - circa 100 anni.

120 anni e 108 anni

In effetti, in Kali Yuga possiamo fornire due aspettative di vita: 120 anni e 108 anni. 120 anni per quelli nati in primavera (i giorni diventano più lunghi), 108 anni per quelli nati in autunno (i giorni diventano più brevi).

Dobbiamo dire che questa aspettativa di vita era all'inizio del Kali Yuga. Viviamo proprio alla fine del Kali Yuga. Questo periodo è chiamato Kali Yuga Sandhi. Quindi possiamo vedere che per lo più tutte le persone muoiono molto prima di quanto dovrebbero - e tutto questo sta accadendo con la nostra medicina "super sviluppata".